Chi siamo

con.tempo è una rivista, un sito e una squadra appassionata che ha per le storie un’attrazione maniacale. Siamo attori, librai, professori, ricercatori, studenti e redattori. Eccoci:

Carlo Benedetti – Direttore Editoriale

Carlo è attento, sa cogliere le linee essenziali delle cose e fissarle in immagini piene, definite. Ad occhi chiusi, con quotidiana familiarità, le sue mani toccano una macchina fotografica, una penna o un pianoforte e raccontano i contorni delle persone, l’anima delle cose, le sfumature dei colori. Dei libri ama la profondità che può dischiudersi da un racconto ben costruito, nei libri non c’è spazio per il disinteresse. Ci sono momenti in cui tutto gli sembra perfetto, quando qualcosa di straordinario nasce e la realtà si predispone ad abbracciarlo, quando i ciliegi fioriscono, quando si innamora e si slancia in mare come un drago, senza sforzo.

Guia Bigazzi – redattrice

Guia non perde tempo, non sopporta le parole inutili, le cose importanti della vita si imprimono da sole sulla pelle senza bisogno di girarci intorno. Per questo ama i tatuaggi, le cose vintage e viaggiare. Ama terrorizzarsi con i film horror e scoprire territori sconosciuti, vicini o lontani, perché oltre la paura c’è sempre una zona di pace, in cui la poesia è infinita. Come nella sua immagine del Giappone, come in un abbraccio rassicurante, come nelle polpette di sua nonna, che neanche San Pietro sa farle così. Tiene strette delle scarpe rosse di strass con tacco 15 ed un mazzo di fiori blu, con questi è pronta ad affrontare il futuro, basta non dover aspettare.

Daniele Corsi – redattore

Daniele ha il senso del ritmo, insegna spagnolo, cattura immagini, parla, sceglie una cravatta, balla, scrive, scatta una foto, balla, spiega, toglie la cravatta, capelli in faccia, immagina il Messico, scie di aeroplani, beve, parla, il nodo è stretto, sente caldo, balla. La vita che scorre come su un pellicola cinematografica. Poi, di colpo il rumore del proiettore si ferma, la sequenza si interrompe e tra le immagini si insinuano istanti densi di silenzio, il corpo vibra, le ansie ed i movimenti febbrili si sospendono. Lì c’è spazio per l’incanto di un nudo, per sentire la bellezza, per immagini da raccontare. Poi la pellicola riprende a girare, rock.

Federico Fastelli – redattore

Seduto davanti ad una scacchiera, Federico studia le mosse, è vigile, controlla, non lascia passare. Lo stesso quando discute, cucina o suona. Dice che non sa fare lavori manuali, ma è un altro modo per aprire una controversia: in realtà mescola le pietanze, tocca le corde e scrive con la stessa determinazione con cui rincorre i pensieri. Precisi, cogenti, articolati. A volte trema, o non trova le parole e allora chiude gli occhi, per cercare un bacio o mangiare una mandorla. Vorrebbe essere folle ed essenziale come il disegno di un bambino, o lanciarsi da un’altalena senza poter cadere. Quell’energia ce l’ha, a come atterrare senza cadere ci sta lavorando.

Francesca Guercioni – redattrice

Francesca ama cercare le relazioni tra le cose, trovarne il filo, fissarne delle immagini. Non si stanca mai di riguardare le vecchie foto, di incontrare nel ricordo le persone e i luoghi che ha conosciuto, cerca le ragioni delle cose, assapora la sicurezza dei legami. Poi, a piedi scalzi, è pronta a guardare il mare o ad avventurarsi verso i ghiacci, per scoprire quello che ancora non conosce. Non la spaventano le difficoltà, alle cose c’è sempre una soluzione. Basta, a volte, saper dimenticare e nuotare liberi. Da lì nasce la poesia.

Alberto Di Matteo – redattore

A volte Alberto vorrebbe navigare a vela verso l’altra parte del mondo. Nella realtà, la raggiunge già ogni volta che improvvisa un ruolo a teatro, che con la chitarra canta alle foglie o prepara la pasta coi broccoli per suo figlio. Detesta che gli si dica di star calmo, al mondo c’è troppa bellezza per non tentare, in ogni modo, di raccontarla. Se fosse un albero, godrebbe del vento che agita le foglie quasi senza sforzo, ma essendo attore e drammaturgo,  racconta storie, le ascolta, studia, legge, scrive, sperimenta e aspetta che la poesia nasca, all’improvviso. Quando accade, l’aria non fa più resistenza, le cose vengono facili. E’ un attimo, poi si ricomincia da capo.

Davide Sibilia – redattore

Davide non giudica, chiede, si interessa. Si lancia negli incontri come un nuotatore dal bordo della piscina, è un intervistatore attento, paziente nell’ascolto, compagno dolce di strada. Vorrebbe distendere gli angoli delle realtà, conoscerne le pieghe, con la stessa curiosità di quando da bambino giocava a far scappare le pecorelle dal presepe. Ogni cosa che impara è vitale come l’acqua, preziosa come la baronessa con il rossetto rosso che vorrebbe portare con sé nel tronco di un albero. Un sogno potersi rifugiare lì e scrivere canzoni. Ogni tanto uscire, conoscere un po’ di mondo e bere un caffè, macchiato e magari in tazza grande.

Elia Spiga – redattore

Elia ama le persone, incontrarle, conoscerle, innamorarsi.  D’estate lavora all’Isola D’Elba e corre senza tregua, d’inverno studia Lettere a Firenze e sorseggia la birra con calma. Elia odia la burocrazia, che inchioda le cose e confonde gli intenti. A lui piace andare al fondo delle cose, capire la gente e difenderne le diversità, magari ridendoci su. Non esita a perdere l’equilibrio, è pronto a scoprirsi, a cambiare, a farsi scuotere da nuove tempeste. Quando la marea è passata, quello che resta a riva è indimenticabile. Come il ricordo di suo nonno, il primo giorno di scuola, ogni volta che si è innamorato.

Letizia Spiga – redattrice

Letizia conosce il silenzio del bosco e la calma impetuosa del mare, quando sa essere impetuoso. Di entrambi apprezza il silenzio, l’esserci senza rumore, eppure con la forza dirompente di un elemento naturale.  Studia lettere, vive lontana dalla sua isola, ma degli scogli porta in sé il ricordo e si tuffa ogni volta che osa una nuova sfida, che si entusiasma per un interesse condiviso o ama chi la fa ridere. La matematica non è il suo forte, ma ama la buona cucina e vorrebbe imparare lo spagnolo.  Sogna terre lontane, con passi lenti e sicuri ogni giorno sposta i propri confini.

Elisa Zuri – Redattrice

Elisa ha quasi barattato i viaggi per i libri, senza pentirsene, anche se a volte ha gli occhi che guardano lontano all’orizzonte. Si entusiasma per quello che fa e non sa aspettare, a meno di essere in due. Allora i tempi diventano condivisi e non c’è più attesa, c’è solo il camminare insieme che include pause e giri lunghissimi, come un tango. Ama correre eppure cerca i ritmi lenti del deserto, la trasparenza dei colori e degli uomini. Quelli che forse nascondono il senso pieno delle cose, del tempo. Per un sogno è pronta a lanciarsi in ogni nuova avventura, anche quando sembra tutto sbagliato. Perché poi la vita riparte, più bella del giorno prima.

3 thoughts on “Chi siamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *